8 marzo 2021

 La Festa della donna ha origine dai movimenti femminili politici di rivendicazione dei diritti delle donne di inizio Novecento, in particolare da una tragedia accaduta nel 1908, nella quale trovarono la morte più di cento operaie di un’industria tessile di New York, perite nell’incendio del luogo di lavoro. 

Molte, troppe, donne, da allora in poi, sono cadute nei cammini di emancipazione femminile e per la conquista della parità di genere, ma questo non deve in alcun modo far pensare che tali sacrifici appartengano ad un tempo remoto e ormai trascorso.

La nostra contemporaneità è, purtroppo e ancora, tristemente ammantata da situazioni nelle quali donne, figlie, mogli e madri sono vittime di prevaricazione, fino a perdere talvolta la vita, a causa del loro ruolo propulsivo nel cambiamento sociale, in contesti culturali che rifiutano di accettare il loro meritorio impegno personale, professionale e sociale e, anzi, lo osteggiano.

La scuola è un forte presidio preposto al rispetto delle regole e alla tutela dei diritti, a superare gli stereotipi che tradotti nei comportamenti abituali, contribuiscono a rallentare la parità di genere in tutti i settori della vita.

Oggi l’ITIS si tinge di giallo, i nostri rappresentanti d’Istituto hanno voluto rendere omaggio alle splendide donne che, a fianco di tanti splendidi uomini, contribuiscono ad un percorso di crescita rendendo attenta e speciale la nostra scuola.

Ultima modifica il 07-03-2021